“Polvere tu sei e in polvere ritornerai!”

La Liturgia del tempo di Quaresima si apre con un simbolo e delle parole che invitano i cristiani a un cammino di rinnovamento: un cammino di lucida riscoperta e di cosciente immersione nel centro del Mistero Pasquale. Le ceneri poste sul capo e le parole che le accompagnano non intendono orientare verso lugubri considerazioni, ma piuttosto realisticamente ricordare ciò che siamo: tesori preziosi in vasi di argilla, vasi più volte spezzati a causa dei nostri peccati e altrettante volte riparati dall’amore di Dio a cui abbiamo chiesto perdono.

Il segno delle ceneri e il digiuno che l’accompagna vogliono ricondurci non solo all’implorazione, ma anche alla speranza che animò tanti personaggi biblici ricordati dalla Storia della Salvezza – per esempio Ester, Giuditta, il re di Ninive nel libro di Giona, il re Davide, il profeta Daniele – tutte persone che sentendosi colpevoli e impotenti, nondimeno si affidarono con piena fiducia alla Misericordia di Dio.

Come i nostri ultimi papi ci hanno più volte unanimemente e simpaticamente ricordato: “ci stancheremo prima noi di peccare, piuttosto che Dio si stanchi di perdonarci”. L’itinerario biblico-liturgico che la Quaresima ci farà percorrere a partire dal Mercoledì delle Ceneri ci offrirà tantissimi argomenti persuasivi capaci di sciogliere la nostra “durezza di cuore”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.